top of page

Come ho preparato il C1 - IELTS Academic da autodidatta, senza spendere centinaia di euro!

Quante volte ti hanno detto che è fondamentale studiare e conoscere bene l'inglese?

Beh, immagino moltissime!

Che ti piaccia o no, è la verità. Anche nel mondo dell'arte è sempre più frequente che i datori di lavoro o le università richiedano una conoscenza medio-alta della lingua inglese, testimoniata da una certificazione linguistica.


Ecco perché in questo post vi illustrerò passo dopo passo tutto quello che ho fatto per migliorare il mio livello d'inglese fino ad ottenere il C1.


Se preferite ascoltare al posto di leggere, ecco la versione che ho realizzato per il mio canale YouTube! Buona visione o, se deciderete di continuare a leggere, buona lettura!



Pronti? Partiamo!

 

Prima, una serie di doverose premesse:


  1. Ho sostenuto il test IELTS nella versione Academic, non General. Quindi i miei consigli saranno tutti basati sulla mia esperienza relativa a questo specifico esame.

  2. La mia base di partenza era già buona. In quinta superiore (ormai un ricordo lontano) ho preso il B2 e negli anni ho continuato ad ascoltare e leggere in inglese. Quindi questi consigli non saranno sicuramente adatti a dei neofiti che si avvicinano per la prima volta alla lingua inglese.

  3. Come ho scritto anche nel titolo, io ho preparato il test da autodidatta perché non avevo voglia di spendere centinaia di euro per un corso di inglese. Avendo già una solida base, ho preferito procedere da sola. Tuttavia, è chiaro che con un aiuto di un professionista mi sarei divertita molto di più e avrei imparato più velocemente.

Detto questo, possiamo davvero partire!

 
Che cosa è l'IELTS Academic?

Esistono numerose certificazioni: quelle rilasciate dal Cambridge, quelle Trinity e chi più ne ha, più ne metta. Io ho scelto di sostenere l'esame IELTS perché è una delle certificazioni più riconosciute a livello internazionale: che tu scelga di fare un master in Nuova Zelanda o che tu voglia semplicemente testimoniare al tuo datore di lavoro il tuo livello, questa è sicuramente una delle scelte migliori.


Esistono due tipi di esame IELTS: il General - tendenzialmente più semplice e adatto a chi vuole espatriare o a chi lo necessita semplicemente per lavoro - e l'Academic - quello più complesso e richiesto dalle università.


Il test IELTS Academic è composto in quattro sezioni:


- Listening: vengono proposte quattro registrazioni audio su temi diversificati, tra monologhi e colloqui, con le relative domande di comprensione.


- Reading: vengono selezionati tre testi di media lunghezza relativi questioni accademiche, anche in questo caso accompagnati dalle relative domande (crocette, completamento e così via)


- Writing: al candidato viene richiesto di scrivere due testi. Nel primo è necessario interpretare un grafico, riportandone correttamente i dati e il senso; nel secondo viene chiesto di scrivere un saggio relativo a un argomento di stampo accademico.


- Speaking: si tratta di una conversazione di 15-20 minuti con un esaminatore, suddivisa in tre parti. Nella prima vengono poste al candidato domande generiche su di sé, nella seconda gli viene chiesto di parlare per almeno 2 minuti su uno specifico argomento suggerito dall'esaminatore, nella terza gli vengono poste domande in relazione a ciò che il candidato ha detto nel suo monologo.


Non vi mentirò dicendo che è un test facile perché non lo è, anzi, è tostissimo. Soprattutto perché viene fatto tutto di fila, praticamente senza pause, una sezione dietro l'altra. Si arriva a metà già sfiniti da quella che a me è sembrata una vera e propria maratona.

 
Che libri ho acquistato?

Il primo passo che ho fatto è stato comprare dei libri. Troppi libri.


Sinceramente sento di averne comprati veramente troppi, più di quanti fossero davvero necessari visto che online si trova dell'ottimo materiale su cui esercitarsi, che vi rivelerò in seguito. Tornando indietro, questo è l'unico che ricomprerei davvero:



Mi raccomando, assicuratevi che sia la versione con il CD, altrimenti non potrete fare gli esercizi di ascolto. Il libro si divide per capitoli tematici che affrontano uno dietro l'altro alcuni degli argomenti più ricorrenti durante il test (ambiente, economia, medicina, eccetera). In generale, l'ho trovato ben fatto.


Se ne siete sprovveduti, vi consiglio anche di acquistare una buona grammatica. Io ne avevo già una ottima utilizzata nel corso delle superiori, ma qui di seguito vi lascio comunque un mio suggerimento:


 
Quali risorse online utilizzare?

Come vi ho accennato nel paragrafo precedente, devo molto del mio successo alle risorse online che ho utilizzato per preparare l'esame. Ce ne sono moltissime online, il segreto sta nel capire di chi fidarsi.


Visto che era la prima volta che sostenevo un esame IELTS (in precedenza avevo svolto il First del Cambridge), ho deciso di acquistare un mini-corso online che spiegasse al meglio come fosse strutturato l'esame.


Ho acquistato un corso di un insegnante irlandese (o forse inglese?) chiamato Eli che ho scoperto su YouTube. Il suo corso si chiama English Pro Tips e io l'ho trovato sensazionale - e non sono pagata per dirlo!


Al suo interno vengono analizzate tutte le varie parti in cui è composto l'esame: non solo Eli si cura di spiegare cosa aspettarsi da queste prove, ma dà anche ottimi consigli su come riuscire a ottenere almeno un 7 come punteggio.

Ovviamente non posso svelarvi qui tutti i suoi segreti, sarebbe ingiusto nei confronti nel suo duro lavoro, ma vi consiglio di dare un'occhiata al suo canale YouTube (lo trovi qui) per capire se possa fare al caso vostro.

 
Come sono migliorato?

Pur partendo da un livello medio di inglese, nei mesi sono dovuta migliorare moltissimo per arrivare ad ottenere il C1. Le sezione dedicate alla comprensione (sia scritta che orale) sono quelle in cui ho ottenuto un punteggio più alto perché sono quelle in cui mi sono esercitata di più, sia in maniera diretta che indiretta, ma in generale tutte le mie 'skills' sono migliorate. Quello che ho fatto:


Fare test su test:

Praticamente una volta al giorno (anche più spesso quando ero in prossimità della data di esame), ho fatto una simulazione di test completa - tranne lo speaking. Potete trovare una libreria dei test dei mesi precedenti, in continuo aggiornamento, cliccando qui.

Più ne farete, più familiarizzerete con lo stile delle domande. Un consiglio che mi sento di darvi (che io non ho seguito, ma per cui mi sono pentita) è quello di realizzare le singole sezioni una dietro l'altra, senza troppe pause, in modo tale da potervi abituare al ritmo dell'esame vero e proprio che - come ho già scritto - si svolgerà nell'arco di una mattinata senza pause.


Guardare serie TV e film in inglese con i sottotitoli in inglese:

Potrebbe sembrare banale ma vi assicuro che non lo è affatto: fate una prova.


Già dopo un singolo episodio di una serie avrete scoperto molte parole nuove che saranno entrate a far parte del vostro vocabolario. Senza parlare poi del fatto che anche la vostra capacità di ascolto e di pronuncia sarà allenata ai massimi livelli. In particolare, io ho guardato:


  1. Lucifer: una serie televisiva molto carina, ambientata a Los Angeles, in cui una bellissima e intelligente detective indaga crimini e misteri affiancata da un prezioso consulente, che si rivela essere il diavolo in persona!

  2. Tutta la saga di Harry Potter: non c'è bisogno di spiegazioni. Io l'ho sempre vista in italiano, ma in inglese migliora nettamente. Se avete tempo e voglia potreste anche leggervi direttamente i libri in inglese, sono sicura che imparereste ancora di più!

  3. Downtown Abbey: dopo questa serie, avrete un accento inglese quasi perfetto! Vengono raccontate le peripezie della nobile famiglia Crawley, costretta a interfacciassi con la modernità del Novecento.

  4. Young Sheldon: una serie comica ispirata alla più nota Big Bang Theory, dove si racconta la vita del piccolo e geniale Sheldon Cooper!

  5. How to get away with murder: un'altra serie tv dove aspiranti avvocati devono superare mille sfide e misteri in compagnia della loro professoressa di università, un'importante avvocatessa che nasconde molti segreti.

  6. Divergent: una trilogia basata su un futuro distopico, dove - per evitare conflitti - le persone vengono suddivise in severe categorie.

Ovviamente questi sono solo alcuni suggerimenti, potete guardare ciò che preferite. L'importante è non farsi perdere d'animo se all'inizio sembra difficile perché con il tempo le cose migliorano. Adesso io non riesco più a fare a meno di vedere un film non in lingua originale!


Parlare da soli (o meglio ancora con qualcuno) in inglese:

No, non sono pazza - non ancora almeno. Per migliorare la mia capacità di espressione mi sono sforzata di parlare in inglese, sia nella mia testa che a voce alta. Addirittura con il mio cane. Questo per evitare di diventare molto bravi a capire, ma non altrettanto abili nel parlare. Sforzatevi quindi di farlo o se potete trovate un buddy che stia preparando l'esame come voi con cui potervi esercitare, facendovi le domande a vicenda.

 

Questi erano i miei consigli per quanto riguarda la preparazione per il C1.

Nel caso in cui aveste ulteriori domande o curiosità, non esitate a contattarmi tramite chat o in direct su Instagram (@brezzadarte).


Detto questo, vi auguro una buona giornata e noi ci sentiamo presto!

Un caro saluto,


Giulia



Comments


ecaf3f87-1526-496f-9bc6-cf214f2f587f.JPG

Ciao, grazie per aver letto l'articolo!

Io sono Giulia, curiosa e logorroica per natura: in quanto art sharer ti porto con me tra mostre e musei!

Rimani sempre aggiornato sui miei contenuti!

Grazie!

  • Facebook
  • Instagram
  • Twitter
  • Pinterest
bottom of page